Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Al via #Prioritalia, i manager alla politica: più legalità!

Partenza “col botto” per la prima edizione di #PRIORITALIA! L’appello lanciato da Manageritalia e Federmanager a dirigenti e alte professionalità è stato accolto senza se e senza ma: più di 400 oggi in sala hanno partecipato ai lavori e oltre 1.000 accreditati nelle 4 giornate. I manager hanno preferito dare un segnale pubblico inequivocabile e in una fase difficilissima come quella attuale non hanno avuto dubbi: bisogna impegnarsi per il Paese. E le ferie di agosto? Nichts! Si può infatti anche rinunciare a qualche giorno di vacanza per indicare le priorità per la buona politica.
Di seguito, in pillole, gli interventi della prima giornata .
 
Guido Carella presidente Manageritalia: “Occorre individuare le idee, e passare rapidamente al progetto, i manager devono essere artefici consapevoli del proprio ruolo nelle aziende e nella società”.
 
Oscar Giannino: “E’ necessario rivedere le metodologie con cui abbiamo affrontato il problema del debito pubblico e ridurre il peso del pubblico nel Pil. Bisogna far sì che i manager privati possano essere utilizzati nel settore pubblico per portare più efficienza”.
 
Mattia Diletti (politologo università La Sapienza): “Nel nostro paese, negli ultimi anni, c’è stato un proliferare di Think  tank che però non sono riusciti a far nascere idee in grado di influenzare i temi dell’agenda politica, n’è di porre le basi per un reale cambiamento.
Si tratta perlopiù di realtà autoreferenziali.  PRIORITALIA  fungendo da delivery tra idee e competenza, potrebbe invertire la tendenza e iniziare a trasferire idee vere; specie dalle imprese  allo stato che ha bisogno di acquisire efficienza”.
 
Simona Aldrovandi (osservatorio di Pavia sui media) espone i dati dell’osservatorio che evidenziano come nei media italiani, specie i TG, la politica sia ormai un elemento strutturale del palinsesto; è sempre presente ma di fatto senza elementi rilevanti. In Europa , al contrario, la politica è presente solo laddove vi siano dati importanti da comunicare. Nei Tg italiani si parla per il 45 % di azioni fatte contro il 74% dei TG europei.
Nei  TG italiani abbondano le esternazioni, in Europa le azioni.
 
Giorgio Ambrogioni (presidente federmanager) condivide con la platea tre documenti da cui prende spunto.
1) una indagine commissionata a Renato Mannaheimer da Federmanager dalla quale risulta che i manager italiani sono bravi, intelligenti, ma egoisti perché (questa la percezione) fanno poco per il loro paese;
2) i rapporti annuali della LUISS Business School dai quali risulta che i manager italiani non hanno offerto abbastanza idee per risolvere l’attuale crisi;
3) il libro di De Rita (ex presidente del CENSIS ) sulla crisi della borghesia italiana: la borghesia alias i manager ovvero la classe dirigente italiana si é smarrita; deve ritrovare il valore sociale della propria missione e valorizzare il proprio ruolo nella società italiana.
Da quì la possibilità che i manager offrano le loro migliori teste per un ricambio politico.
 
Silvestre Bertolini, presidente CIDA: ” I manager devo essere promotori di nuove idee per la politica, la societa e le istituzioni, fautori della meritocrazia e della progettazione”.
 
Giorgio Gori (imprenditore) : “La commistione con la politica ha avuto rilevanti effetti sulla TV, sarebbe opportuno riorganizzare il sistema magari privatizzando la Rai”.
 
Alessandro Cattaneo, sindaco di Pavia: “Nel pubblico occorre cambiare la mentalità e introdurre criteri di efficienza legati agli obiettivi. I manager pubblici, a volte, sono più preoccupati di cosa non si può fare piuttosto di cosa sarebbe meglio fare”.
 
Giorgio Del Mare (esperto di sistemi associativi) ha analizzato e riassunto le proposte della società civile e della politica nell’ultimo biennio evidenziando quali sono i bisogni che ne sono alla base e quindi quali siano le necessitá. Quali dovrebbero essere, quindi, i principi guida della buona politica? Ne ha evidenziati 9:
 
- informazione
- legalità
- trasparenza
- inclusione
- innovazione sociale
- competenza
- attivazione ovvero  fare le cose rapidamente
- collaborazione tra pubblico e privato
- visione ovvero identificare il futuro che si desidera

La platea dei manager è stata chiamata poi a scegliere tra questi 9, i 3 più urgenti. La scelta é stata:
- legalità 23%
- competenza 18%
- attivazione 18%

Oggi il programma continua. Nel pomeriggio, alle ore, 15.30 circa, l’intervento del Presidente della Fondazione, Andrea Tomasi. Segui il suo interevento in diretta streaming.

 


Asset Publisher Asset Publisher