Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

RUBRICA DI AGGIORNAMENTO ATTIVITÀ DI CONTRASTO AI BANDI IRREGOLARI N. 6/2021.

Come ogni mese si rassegnano i principali profili di illegittimità segnalati alle Stazioni Appaltanti, aventi l’effetto di ledere la dignità morale e professionale dei professionisti del settore.

 

Le azioni di contrasto.

Nel mese di giugno 2021, 4 sono state le amministrazioni diffidate e 2 esposti notificati all’ANAC. In un caso, l’Amministrazione ha proceduto all’annullamento in autotutela.

Si fa riferimento, nello specifico, al Comune di Vernio ed al Comune di Seui (3 procedure).

Per ciò che riguarda le irregolarità riscontrate:

  • il Comune di Vernio (PO) ha pubblicato una procedura aperta, nella quale v’era illegittimità dei requisiti di partecipazione, nonché una illegittima commistione tra i requisiti di partecipazione e requisiti di valutazione dell’offerta. Avverso la procedura è già stata notificata l’istanza all’ANAC;
  • il Comune di Seui (SU) ha bandito una manifestazione di interesse, suddivisa in tre lotti distinti, per la ristrutturazione a fini turistici di una stazione ferroviaria. I primi due lotti da aggiudicarsi tramite procedura negoziata ex art. 63 del Codice, il terzo lotto da affidare in via diretta. Per ciò che attiene le illegittimità rilevate nei primi due lotti, nonostante la rilevanza sotto il profilo architettonico dell’opera da realizzare, l’Amministrazione non ha proceduto all’indizione di un concorso di idee e/o di progettazione, così come previsto dall’art. 23, co.  2, del Codice; non erano stati indicati i criteri di valutazione dell’offerta, necessari nei casi di aggiudicazione col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa; la base d’asta era, comunque, sottostimata. In riferimento, invece, al terzo lotto, da affidarsi in via diretta, anche qui non era stata preventivamente esperito necessario concorso di idee/progettazione; la base d’asta era incongrua. Avverso le procedure, è stata notificata l’istanza all’Anac. L’Amministrazione comunale ha successivamente comunicato alla Fondazione Inarcassa di aver provveduto all’annullamento delle procedure di gara.

 

Avv. Riccardo Rotigliano

Avv. Giuseppe Acierno