Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Rubrica di aggiornamento sull’attività di contrasto ai bandi irregolari n. 10/2020.

Nel mese di ottobre 2020, sono state sei le amministrazioni diffidate e due gli esposti notificati all’ANAC.

Si fa riferimento, nello specifico, al Comando generale dei Carabinieri, all’Istituto Studi Militari Marittimi di Venezia, al Comune di Colli al Metauro (PU), alla Provincia di Pescara, al Comune di Genola (CN) e alla Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia.

 

Le azioni di contrasto.

Per ciò che riguarda le irregolarità riscontrate:

  • il Comando Generale dei Carabinieri ha bandito una procedura aperta, nella quale non era allegato il calcolo dei corrispettivi, era previsto una percentuale massima al ribasso da offrire, la clausola penale indicata nel bando superava la soglia prevista dal Codice e una parte del servizio era da svolgersi a titolo gratuito. Dopo la notifica della diffida l’Amministrazione non ha fornito alcun riscontro, pertanto si è proceduto con l’esposto all’ANAC;
  • l’Istituto di Studi Militari Marittimi di Venezia ha pubblicato un bando, nel quale non era allegato il calcolo del compenso e la base d’asta era stata calcolata in modo incongruo. In assenza di un riscontro entro il termine concesso si è adita l’ANAC;
  • il Comune di Colli al Metauro ha bandito una procedura negoziata, nella quale la base d’asta era incongrua. Dopo la diffida, il Comune ha notificato una nota nella quale si dava conto dell’avvenuta correzione degli errori segnalati;
  • la Provincia di Pescara ha pubblicato una procedura aperta, nella quale la base d’asta era incongrua e non veniva rispettato il termine minimo per la presentazione delle offerte. Si attende che scada il termine concesso prima di adire l’ANAC;
  • il Comune di Genola ha pubblicato una manifestazione di interesse, nella quale erano previsti criteri restrittivi della partecipazione basati sulla territorialità. Il Comune ha fornito una poco convincente giustificazione non conforme, peraltro, alla legge. Per tale motivo si procederà con l’esposto all’ANAC;
  • la Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia ha pubblicato un avviso, nel quale non viene indicata la base d’asta, conseguentemente, è priva del calcolo dei corrispettivi Si attende un riscontro dell’Amministrazione prima di adire l’ANAC;